fbpx

Presunti abusi, sigilli allo stabilimento Balneare.

Presunti abusi edilizi: sigilli allo stabilimento balneare “Spiaggia del Conte” di Punta Prosciutto  in provincia di Lecce

Scattano i sigilli allo stabilimento balneare “Spiaggia del Conte” di Punta Prosciutto. Il decreto di sequestro preventivo è stato disposto dal gip Cinzia Vergine che ha accolto la richiesta del pubblico ministero Milto De Nozza.

Il provvedimento è stato eseguito, in queste ore, dai carabinieri della compagnia di Campi Salentina. Risultano indagate, con l’accusa di abusivismo edilizio e deturpamento di bellezze naturali, cinque persone tra cui l’ex senatore e noto cardiologo Antonio Gaglione, proprietario della società “La Duna Srl” e un ingegnere del comune di Porto Cesareo.

La zona interessata dal sequestro ricade nell’area protetta Palude del Conte e Duna Costiera, sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico (interessata da un vasto incendio, circa un anno fa), in località Punta Prosciutto.

I sigilli sono stati apposti a diverse strutture con tettoia, container, impianti idrici, e ad una zona scavata che avrebbe sbancato il cordone dunale. Non solo, anche ad un’area destinata a parcheggio.

Nel corso delle indagini, la Procura leccese si è avvalsa della consulenza tecnica di un ingegnere.

Articolo a cura di Angelo Centonze http://www.leccenews24.it

 


Contatta LIDIBALNEARI.it

Informazioni, Richieste, Segnalazioni, Preventivi










utilizza una email valida











[recaptcha]


Potrebbero interessarti